Photo by Alessandro Congia - Sardegnalive.net

Buongiorno dottore.

Vista la mia passione per la musica, avrei voluto scrivere Buonasera Dottore, per citare la celebre canzone di Claudia Mori, interpretata magistralmente da Mina e Alberto Lupo. Invece no: sarebbe stato l'unico sprazzo di felicità, in una vicenda che, francamente, mi lascia letteralmente basito.

Ciò che mi lascia basito è la semplicità con cui lei, esimio dottore, augura la morte ad un altro essere vivente, al pari di ciò che si lamenta di ricevere in messaggi privati, ed al pari di ciò che ha evidenziato come comportamento non corretto nei confronti degli animali.

Insomma, un cane che si morde la coda!

Partendo dal fatto che non sono un cacciatore nel senso stretto del termine, ovvero non imbraccio un'arma per andare a sparare, e non sono neppure un vegano, non capisco perché lei, esimio dottore, si permette di evidenziare come l'atto di uccidere un altro essere vivente sia da condannare, mentre l'atto di auspicare la morte di un altro essere vivente sia invece qualcosa da accettare positivamente!

Non solo, esimio dottore! Essendo lei un dottore in medicina, è deputato alla salvaguardia ed alla cura della vita delle persone, in virtù di quel giuramento, che nelle sue espressioni finali così recita: «Ciò che io possa vedere o sentire durante il mio esercizio o anche fuori dell'esercizio sulla vita degli uomini, tacerò ciò che non è necessario sia divulgato, ritenendo come un segreto cose simili. E a me, dunque, che adempio un tale giuramento e non lo calpesto, sia concesso di godere della vita e dell'arte, onorato dagli uomini tutti per sempre; mi accada il contrario se lo violo e se spergiuro.»

Mi dica, dottore, come si sentirà il lavoratore-paziente “cacciatore” che capiterà sotto le sue mani?

Vede, dottore, il suo nome è già stato battuto altre volte dalle agenzie di stampa. Tristemente, aggiungo! Perché il solo vile atto intimidatorio perpetrato nei suoi confronti nel luglio scorso è un gesto che non merita altro che condanne! Vede quanto è brutto essere presi di mira stupidamente?

Non pensavo che fosse necessario ricordarle come Andrea Altea ha una famiglia ed è una persona cara a qualcuno. Come lei, come me, come tutti!

Continuerò a guardare il cielo, ad ammirare la silenziosa luna e le stelle, consapevole del fatto che qualche stella che vedrò questa notte non sarà certamente conseguente alla morte augurata ad una persona.

Ma sì, dai... Buonasera Dottore!